Quando la poesia inizia dalla gioia. Ricordo di Seamus Heaney

Logo-Osservatore-Romano NEWEnrico Reggiani (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano), L’Osservatore Romano, a. 153, n. 199, domenica 1 settembre 2013, p. 5

heaney 1Un “Colosso della Letteratura”: lascia un’ “enorme eredità “ che “continuerà a risplendere nei secoli a venire”. Uno straordinario poeta dotato di un “profondo rispetto per ciò che è umano”: virtù rara, questa, che “ha conferito alla sua opera un’irripetibile capacità di comunicare il rifiuto di ogni violenza, ingiustizia e pregiudizio e di spronare noi tutti ad esprimere il lato migliore della nostra natura umana”.

   Così l’Irlanda tutta – senza divisioni di sorta – ha accolto, sgomenta e ferita, la notizia della morte a 74 anni di Seamus Heaney, Premio Nobel per la Letteratura 1995 (che egli definì il suo “Stockholm business”). Indiscusso il suo prestigioheaney 2 internazionale: il poeta americano Robert Lowell (1917-1977) lo definì “il più grande poeta irlandese dopo Yeats”; da un suo verso memorabile il Presidente Clinton plasmò il titolo di un libro sulla sua visione del ruolo degli Stati Uniti nel ventunesimo secolo: hope and history rhyme (trad. libera: “quando storia rima con speranza”).

   Il grande successo editoriale della sua opera poetica, che in tempi recenti pare raggiungesse i due-terzi delle vendite di libri heaney 3di poesia nel Regno Unito, non ne mutò la natura umile, generosa e disponibile, che i lettori italiani hanno potuto apprezzare in numerose occasioni (compreso chi scrive, in Italia e altrove): non gli instillò il virus letale della presuntuosa e pretenziosa autoreferenzialità individualistica (assai diffuso presso i protagonisti della scena letteraria contemporanea, nostrana e altrui) e non gli impedì di continuare ad essere “la voce della sua comunità, un uomo del popolo che conosceva bene la sua comunità e che ne rifletteva la storia e la ricchezza culturale”. Riconoscente per ogni minimo anfratto della propria vicenda personale e nazionale, nel dicembre 2011 sentì il dovere di compiere il gesto simbolico di provvedere personalmente a recapitare il proprio ingente archivio di note, appunti e bozze alla National Library of Ireland (rinunciando a quanto avrebbe guadagnato da una loro vendita all’asta).

   Nato il 13 aprile 1939 nel paesaggio rurale della contea di Derry (Irlanda del Nord), Seamus si trasferì non lontano da Dublino nell’annus horribilis 1972 (quello dei Troubles e della tragica Bloody Sunday), dove iniziò a lavorare come giornalista freelance e a “mettere la pratica della poesia al centro della mia vita. Fu una sorta di verifica”. Se per amor di sintesi (celebrativa, ma conheaney 4 una forte partecipazione affettiva) si dovesse indicare una cifra simbolica della sua vita, del suo pensiero e della sua opera letteraria (in larga misura tradotta in italiano),…

[il resto dell’articolo è reperibile in questo pdf scaricabile a p. 5. © Riproduzione riservata].

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s