Boston Celtics e irlandesi d’America. Una serata con Larry Bird e l’Irish Pride

[ricevo da Federico Bobbio questo pregevole articolo sull’IRISH CLUB del 29 ottobre, pubblicato su DailyBasket del 30 ottobre]

Fare in modo che letteratura e Basket NBA s’incontrino è possibile. Lo abbiamo scoperto ieri sera, al Bistrot del Tempo Ritrovato a Milano, dove il Professor Enrico Reggiani, docente di Letteratura Inglese all’Università Cattolica, e Mauro Bevacqua, direttore di Rivista Ufficiale NBA, hanno dialogato di fronte ad appassionati di Basket e di cultura irlandese.

La cultura irlandese ha fortemente influenzato la città di Boston. I primi immigrati irlandesi però non si fermarono sulle sponde dell’attuale Massachusetts. Gli scotch-irish, venuti dall’Irlanda in un tempo più lontano rispetto all’immigrazione figlia della Grande Carestia, si addentrarono nel continente americano fino alla catena dei monti Appalachi. Principalmente protestanti e di origine molto più nobile rispetto ai working class men della seconda ondata di immigrati, si guardano bene dal mischiarsi con i poveracci che si fermeranno a Boston. La città di Boston sarà costruita dagli immigrati della seconda ondata che, dal settecento, arriveranno in America.

Non parliamo di mattoni. Gli irlandesi arrivati a Boston hanno edificato dalla base la mentalità di una città di fighters che fanno del pride, di chiara origine irlandese, il tratto principale di una città. E voi a questo punto direte: Cosa c’entra tutto questo con una squadra NBA? E’ mai possibile che sia proprio la città a creare la mentalità con cui pensare e costruire una franchigia? Si, è proprio così. I Boston Celtics sono, e sono sempre stati, esattamente lo specchio di una mentalità che viene proprio da quei coloni irlandesi che hanno sempre mantenuto caratteristiche peculiari ben distinte dal resto della popolazione americana, da dovunque essa provenisse. E’ il pride ad aver creato i Boston Celtics.

E’ qui che Mauro Bevacqua ci aiuta a… [il resto dell’articolo è reperibile cliccando qui.  © Riproduzione riservata]

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s