Beau Idéal? Harriet Martineau e il “capitalist” in “A Manchester Strike”

Enrico Reggiani; Educatt, Milano, 2012, pp. 200

Fu utopia, nei primi decenni del diciannovesimo secolo, il progetto di impiegare gli strumenti raffinati e mirati della narratività letteraria per proclamare la necessità di good employers – quasi antesignani degli agognati imprenditori sociali dei nostri giorni? Fu illusione auspicare che un testo letterario potesse educare l’opinione pubblica di quegli anni a limitare l’azione tanto degli insaziabili new capitalists, quanto quella delle numerose incarnazioni coeve dello Utilitarianism? Fu beau idéal – per citare un’espressione di Karl Marx – la ricerca di “Harmony” e “perfect Union” tra capitalists e labourers come antidoto alla lotta di classe? Sono questi solo alcuni degli interrogativi sollevati da Harriet Martineau nel racconto econo-letterario A Manchester Strike. A tale (1832) – uno dei più significativi nell’ampio numero delle sue Illustrations of Political Economy (1832-1834) – che è oggetto di studio in questo volume.

Enrico Reggiani è professore associato di Lingua e Letteratura Inglese presso la Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. I suoi principali ambiti di ricerca sono la letteratura irlandese di lingua inglese, gli scrittori di matrice cattolica (soprattutto in Inghilterra ed in Irlanda tra il 1789 ed il 1918), i rapporti tra cultura letteraria e cultura musicale (esaminati anche grazie a una solida formazione musicale, musicologica e teorico-analitica). Dall’A.A. 2005-2006 è docente e coordinatore dei corsi di Lingua inglese per la comunicazione economica (lauree triennali e magistrali) presso la Facoltà di Economia e la Facoltà di Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative della sede milanese dell’Università Cattolica. Dal 1986 al 2008 ha curato la rubrica settimanale Le lingue: Inglese per Il Sole 24 Ore del Lunedì, consolidando una competenza negli ambiti economici dei linguaggi di specialità unanimemente riconosciuta e ampiamente documentata dal punto di vista bibliografico. Altrettanto consolidata e apprezzata è la sua attività di ricerca nell’ambito dei rapporti tra cultura letteraria e cultura economica, che ha prodotto una nutrita serie di pubblicazioni e numerosi interventi a eventi di natura accademica e culturale.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s