Un nome per l’Europa

Enrico Reggiani, “Un nome per l’Europa”, Comunità Universitaria, 7, ottobre 2003, p. 3 N.B. Recupero dall’”archivio” un mio breve articolo di un decennio fa e lo propongo come contributo all’interessante riflessione proposta da Eva Cantarella sul Corriere della Sera di ieri (19 maggio 2012, p. 6): la potete leggere qui. Quanto segue è, invece, farina del mio modesto sacco… …

Ma quanto è “musicale” Iago…

Mafalda Bertani (studentessa del corso di Lingua e Letteratura Inglese 2, tenuto dal Prof. Enrico Reggiani, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano, a.a. 2011-12) Giovedì 15 marzo presso il Bistrò del Tempo Ritrovato si é svolto il sesto incontro della seconda serie  di appuntamenti sulla musica in Shakespeare a cura del Prof. Reggiani. Argomento: l’Otello.…

Qualcosa di nuovo anzi d’antico. Ralph Vaughan Williams e le radici della cultura musicale inglese

Enrico Reggiani, L’Osservatore Romano, a. 152, n. 83, domenica 8 aprile 2012, p. 4    In Inghilterra, nei primi due decenni del ventesimo secolo, non fu solo T. S. Eliot a esplorare da par suo l’esperienza culturale della transizione tra Cinquecento e Seicento, rinvenendone il cuore pulsante in John Donne e nei cosiddetti Metaphysical Poets. In quello…