Dal King’s College a Note d’inchiostro

Velania La Mendola (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), CATTOLICAnews, 7 luglio 2011

Maupassant definiva la musica come «la più poetica e la più precisa delle arti, vaga come un sogno ed esatta come l’algebra», un pensiero che comunica immediatamente il potere culturalmente eterogeneo di quest’arte. L’Università Cattolica, in occasione della Solennità del Sacro Cuore, ha voluto sottolineare questo aspetto invitando il King’s College London Choir, che rappresenta la migliore tradizione della musica universitaria in Inghilterra. Organizzatore dell’evento il Centro pastorale con la collaborazione di Giampiero Innocente, direttore del Collegium Vocale di Crema e bibliotecario del nostro Ateneo, da tempo in contatto con i maggiori cori di tradizione anglicana, che ha presentato la serata in un’aula magna gremita di appassionati.

Particolarmente suggestiva è stata l’esecuzione del Miserere (1630 ca.) di Gregorio Allegri, basato sul Salmo 51 (50) della Bibbia. Come ha spiegato Innocente, quest’opera si poteva ascoltare solo nella Cappella Sistina perché, per la sua sacralità e per preservarne l’unicità, il papa proibì che fosse trascritto mentre l’esecuzione altrove era punita con la scomunica. Questo fino a quando un ragazzino quattordicenne non riuscì a trascriverlo a memoria dopo il primo ascolto: era Mozart. Un brano impegnativo, a nove voci per due cori, uno di cinque voci e uno di quattro, eseguito con particolare maestria.

Enrico Reggiani, docente di Letteratura inglese del nostro ateneo e promotore di eventi musico-letterari di particolare rilievo (come The Last Rose of Summer nella primavera del 2010), spiega la particolarità del King’s College London Choir: «Pur non essendo un coro formato interamente da laureandi in discipline musicali e musicologiche, tutti i suoi componenti hanno competenze esecutive di notevole pregio, che affinano costantemente con passione e competenza in parallelo ai loro studi universitari nel contesto delle attività del coro. Sono guidati da un professionista della direzione corale come David Trendell, … [il resto dell’articolo è reperibile cliccando qui]  

© Riproduzione riservata

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s