Outdancing thoughts. La danza in alcune poesie di W.B. Yeats

Lisanna CALVI, Università degli Studi di Verona

(II conferenza dell’edizione 2011 del Seminario Éire-Ireland, Università Cattolica del Sacro Cuore, 4 aprile 2011)

Nel panorama artistico del primo Novecento, tra le seriche sperimentazioni di Loië Fuller, la purezza espressiva di Isadora Duncan e il sensuale e provocatorio Fauno-Niinskij, la poesia di William Butler Yeats accoglie, e lungamente conserva al suo interno, l’esperienza della danza.

Già da The Wanderings of Oisin (1889) fino a «Sweet Dancer» (1938), passando, tra le altre, dalla famosa «Among School Children» (1926), la danza si affaccia costantemente nella produzione yeatsiana. Essa è tema, nella sua institita presenza, simbolo, perché unica via praticabile di espressione di una essenza invisibile, e, perfino, strumento di riflessione metalinguistica sullo scacco dell’arte verbale di fronte al danzatore. Qui esso è infatti, figura umana, quindi corporea, e allo stesso tempo, movimento puro, e dunque incorporeità.

Dalla natura estatica e a tratti primitivistica che ritroviamo nella prima produzione, la danza assume, via via, tratti di complessità concettuale che fanno sì che essa diventi unico strumento in grado di rintracciare ed esprimere il ciclo della vita e della morte, risolvendo la contraddizione tra corporeità e trascendenza.

Ed ecco che, oltre a farsi percorso di indagine privilegiato nel rinvenire la progressiva complicazione concettuale dell’opera poetica di Yeats, l’ossimorica presenza della danza si intreccia, dando spazio a mutue illuminazioni, a quel sistema “psico-antropologico-esoterico” che il poeta andava elaborando nei primi anni Venti, e che troverà compiutezza di espressione in A Vision (1925 e 1937). La danza si fa, invero, paradigma appropriato del ‘simbolismo geometrico’ — come lo definì lo stesso Yeats — della Grande Ruota, il cui moto è cadenzato dai mutamenti lunari che conchiudono uno schema al quale è soggetta sia la vita individuale, sia la globalità civile stessa. Non priva di tortuosità esoteriche che ne complicano la decifrazione, la Ruota pare tuttavia trovare la sua genesi proprio nel movimento danzato, nella sua trascendenza e, insieme, nella sua capacità di dire l’indicibile.

[materiali: handout, powerpoint; © Riproduzione riservata]

Advertisements

One thought on “Outdancing thoughts. La danza in alcune poesie di W.B. Yeats

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s