Dracula ha “ucciso” suo padre Bram Stoker, ma non del tutto…

Enrico Reggiani, ilsussidiario.net. Il Quotidiano approfondito, lunedì 28 febbraio 2011

«Nella primavera del 2008 parlavo della triste situazione dell’editoria con il mio agente che mi diceva: “le uniche cose che vendono sono i vampiri e Jane Austen”. Fu allora che mi venne da replicare scherzando: “Dovrei scrivere un romanzo in cui Jane Austen è un vampiro…”». Così, con un filo di disimpegnato (e snobistico?) understatement, lo scrittore statunitense Michael Thomas Ford (1968-) racconta l’origine del suo Jane Bites Back (italicamente Jane restituisce il morso) pubblicato nel 2009 da Ballantine Books (una delle maggiori case editrici nordamericane) come primo volume di una serie di tre che narrano di come la mitica scrittrice inglese Jane Austen (1775-1817) non sia davvero deceduta come i comuni mortali, ma sia in realtà sopravvissuta come vampiro nella periferia della Grande Mela, sbarchi il lunario esercitando la nobile professione di proprietaria di una libreria, alle prese con due corteggiatori (ironia della sorte post-mortem!) e con un’oscura figura che proviene dal suo personale passato.

Nel nostrano orizzonte giornalistico, è forse proprio il libro di Ford che aveva in mente Antonio D’Orrico quando, in un recente pezzo sul magazine del Corriere della Sera Sette (24 febbraio 2011), ricordava che “la moda del draculismo non ha risparmiato neppure Jane Austen”. Il problema, però, è che D’Orrico lascia intravedere tra le righe una discutibile (ma oggi assai popolare) equivalenza tra “draculismo” e “ristrutturazione goticheggiante” (dei Promessi Sposi ne I promessi morsi!). Trattasi, in realtà, di equivalenza che gli esperti in materia considerano tutt’altro che scontata: mi permetterei, invece, di sottolineare la comune radice – troppo di frequente trascurata – dei suoi due elementi nella propaganda anticattolica a partire dalla seconda metà del Settecento – questo sì terreno fecondo di indagine e riflessione antropologica, letteraria, culturale, politica e religiosa, che attende di essere più adeguatamente dissodato…

Se non ha risparmiato neppure la cristallina Austen, figuriamoci se l’odierna “moda del draculismo” può aver mostrato pietà (ermeneutica) nei confronti dello scrittore irlandese Abraham Stoker detto Bram (1847-1912), la cui vicenda personale viene spesso avvolta di esoterico mistero mediante arzigogoli biografici indotti da interessi ispirati dal marketing editoriale, ma non sempre altrettanto sorretti da dati testuali, letterari e culturali. In realtà, se è indubitabilmente vero che ogni persona è irripetibilmente unica, assai di frequente lo è con la sorprendente normalità biografica di Stoker (proprio qui sta il bello!), che nacque nei pressi di Dublino in una famiglia Anglo-Irish appartenente alla Church of Ireland e alla classe dominante nell’Irlanda del diciannovesimo secolo, fu battezzato in una parrocchia anglicana di Clontarf, sposò la Florence Balcombe (1878) corteggiata da Oscar Wilde e fu dapprima pubblico funzionario del Dublin Castle (sede del governo di Londra in Irlanda e simbolo dell’occupazione britannica dell’Isola di Smeraldo) e, in seguito, business manager del teatro del grande attore vittoriano Sir Henry Irving (1838-1905).

Stoker è l’autore del romanzesco Dracula (1897), cioè della storia del vampiro più famoso di sempre. … [il resto dell’articolo è reperibile cliccando qui.  © Riproduzione riservata]

Advertisements

6 thoughts on “Dracula ha “ucciso” suo padre Bram Stoker, ma non del tutto…

  1. Buonasera Professore,
    Ho presenziato all’incontro dell’Irish forum di lunedì 28 Febbraio e gradirei riferirle che condivido plenariamente la tesi da lei esposta circa la superficialità di alcuni critici letterari che sovente appiattiscono un autore, in questo caso della levatura di Stocker, riconducendo ogni sua singola opera alla dimensione esoterica, vampiresca del suo più fortunato romanzo, Dracula, inoltre è stata illuminante l’esegesi della scena filmica e la conseguente rivelazione di quanto persino il temibile, multiforme conte risultasse impotente di fronte al denaro.Seppur abbia trovato il discorso esaustivo avrei una curiosità ossia per quale motivo Stocker concesse la redenzione, l’amore alla figura luciferina di Dracula, emblema del male? Non sarebbe risultato moralmente edificante condannarlo all’oscurità eterna, perchè non considerarlo una bestia, privarlo della dignità umana e concedergli il Paradiso ? Attendo una gentile risposta, grazie per la pazienza, Cordiali Saluti Chiara

  2. E che dire dei mash-up “Pride and Prejudice and Zombies” e “Sense and Sensibility and Sea Monsters”? Povera Jane Austen!

  3. Buona sera Professor Reggiani, sono una sua ex studentessa della Cattolica.
    Da gennaio seguo con interesse gli incontri dell’Irish forum presso la Fnac. Sono ben strutturati (non ne dubitavo affatto!) ma avrei preferito fossero in inglese.

    Cordiali saluti

    Valeria Porta Maffé

    • Cara Valeria, ti ringrazio per la tua partecipazione. Con gli amici di Fnac abbiamo preso in considerazione l’ipotesi che tu suggerisci, ma poi si è scelto di cercare di coinvolgere il maggior numero possibile di persone…
      grazie comunque per il suggerimento, chissà che non mi venga voglia di fare qualche esperimento in quel senso nei prossimi incontri…
      cordiali saluti e a presto, spero

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s