Quale Stiglitz? freefall o bancarotta?

Se non siete economisti e/o specialisti di qualcuna delle professioni economiche e talvolta, come il sottoscritto, provate ad  acquisire informazioni di prima mano sulle questioni dell’economia – ad esempio, ascoltando la viva voce dei protagonisti (magari in lingua originale) via youtube – avrete sicuramente tratto giovamento – ad esempio – dall’intervista concessa da Joseph Stiglitz alla versione californiana del Commonwealth Club sulla sua nuova fatica editoriale Freefall: America, Free markets, and the Sinking of the World Economy (Norton, 2010).

   Nella cornice di quell’intervista, tra l’altro, viene chiaramente confermato il significato ampio e condiviso del termine freefall, che indica, come riporta l’Oxford English Dictionary online, “1. The motion of an object under the influence of gravity alone, there being neither thrust nor appreciable drag acting on it; the state of being in motion under such conditions […]. Free fall in the strictest sense is experienced by a spacecraft in the absence of thrust from the engines, when any occupants experience weightlessness; this effect can be mimicked by an aeroplane flying in a vertical parabolic path. An object in orbit around a planet or star is in free fall. The term is also applied to the rapid, unrestrained descent of an object under gravity, esp. through the atmosphere, such as that of a ballistic missile in the unpowered phase of its flight, or the part of a parachute descent before the parachute opens”. Da cui anche il significato “figurato” di “2. fig. The state or fact of undergoing a rapid or uncontrolled decline (in price, numbers, success, etc.)”, traducibile – come il precedente – con l’espressione italiana “caduta libera”.

   Non è, dunque, arduo scorgere sullo sfondo del termine freefall una corposa implicazione gravitazionale, cosmologica, di sistema, che si estende ben al di là della sfera economica e che interessa e coinvolge la totalità del modello del mondo contemporaneo globalizzato nelle sue molteplici componenti e nelle loro più diverse matrici (antropologiche, epistemologiche, culturali, morali, e chi più ne ha più ne metta): è questo mondo – secondo il titolo ed il resto del libro di Stiglitz – ad essere in “caduta libera” nella sua sintesi nazional-federale più prestigiosa (America) e nei suoi celebrati cronotopi liberati ma deresponsabilizzati (Free Markets), la cui profonda crisi affonda (Sinking) la nave già (costituzionalmente ed istituzionalmente) in avaria dell’economia mondiale (the World Economy).  

   Orbene, dov’è finito tutto questo nel titolo della versione italiana, curata da Daria Cavallini, alla quale con ogni probabilità non vanno ascritte le opzioni traduttive che vi si manifestano (o sì)? Infatti, Bancarotta. L’economia globale in caduta libera – che è, appunto, il titolo della traduzione Einaudi – modifica e restringe il senso della titolazione originale e la limita alla sfera economico-finanziaria, apparentemente specialistica, eliminandone proprio quelle suggestioni gravitazionali e di sistema che – se non abbiamo capito male – assai di frequente caratterizzano (e forse persino arricchiscono culturalmente) il pensiero di Stiglitz. Per non dire poi della non-sovrapponibilità dei termini-chiave Free fall e Bancarotta (la cui “semantica storica” suggerirei di approfondire, ad esempio, sul mio Econolingua, uscito nel 2009 per i tipi di Educatt). Disattenzione traduttiva o scelta antropologico-culturale? Ai lettori l’ardua sentenza…

Advertisements

2 thoughts on “Quale Stiglitz? freefall o bancarotta?

  1. Leggo con interesse i commenti al titolo italiano del libro di Stiglitz scelto dall’editore e confermo la supposizione: il traduttore non ha alcun ruolo nella scelta dello stesso.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s